domenica 7 ottobre 2012

PER SENTIRMI VIVO



PER SENTIRMI VIVO

I. 
Mentre scrivo queste righe, la stagione elettorale è in pieno svolgimento. Le pareti sono tappezzate di manifesti di ogni colore in cui le persone affermano di essere di ogni bandiera, ogni "colore" di opinione. Chi non ha il suo partito, il suo programma, la sua professione di fede? Chi non è né un socialista, un radicale, un progressista, un liberale, o un "proporzionalista
" - la nuova moda? Questa abnegazione di sé è la grande malattia del secolo. Uno appartiene ad un'associazione, un sindacato, un partito, si condivide le opinioni, le convinzioni, la regola di condotta di un altro. Si è portati, un seguace, un discepolo, uno schiavo, mai se stessi.

E 'vero che questo è meno gravoso. Per appartenere ad un partito, l'adozione di un altro programma, a una linea di condotta collettiva, è quello di evitare di pensare, riflettere, creare le proprie idee. E 'fare a meno di agire da soli. E 'il trionfo della famosa teoria del "minimo sforzo", per l'amore di cui tante cose stupide sono stato detto e fatto.

Alcuni chiamano questo modo di vivere. E 'vero: la vita, la vita molluschi invertebrati, il plagiario, l'imitatore, il chiacchierone tutti vivono, il lemming, il traditore, il calunniatore e il pettegolezzo tutti viviamo. Lasciamoli sognare e non solo di vivere, ma qualcosa di più: "sentire vivo".

II. 
Per sentirmi vivo non è solo essere consapevoli che stiamo regolarmente perfoming le funzioni che mantengono l'individuo (e, se volete, le specie). Né si sente vivi per compiere gli atti della propria vita all'interno di un design sottile, in linea con qualche libro saggio scritto da qualche autore che non sa nulla della vita, ma le sue allucinazioni, crogioli e le equazioni. Per sentirmi vivo non è certo di tenere ordinatamente ai percorsi di ghiaia in un giardino pubblico quando i sentieri capricciosi di sottobosco selvaggio chiedono a te. Per sentirsi vivo è a vibrare, emozionare, rabbrividire, con il profumo dei fiori, il canto degli uccelli, il fragore delle onde, l'ululato del vento, il silenzio della solitudine, la voce febbrile di folla. Per sentirsi vivi è essere il più sensibile al canto lamentoso del pastore per quanto riguarda le armonie di grandi opere, l'influenza radiosa di una poesia per i piaceri dell'amore.

Per sentirmi vivo è quello di rendere emozionante quei dettagli della propria vita che vale la pena: fare di quest'ultima un esperimento fugace, e del primo un esperimento che ha esito positivo. Tutto questo senza vincoli, con nessun programma imposto in anticipo, secondo il proprio temperamento, poi, al proprio stato d'essere nel momento, la propria concezione della vita.

III. 
Si può pensare se stessi un anarchico e vegetano. Si può rispecchiare l'anarchismo del proprio giornale, il proprio scrittore preferito, il proprio gruppo. Si può dirsi originale e in fondo non è altro che un outsider di secondo o terzo grado o add-on.

Essere vincolati dal giogo di una cosiddetta moralità "anarchico" è da sempre legato. Tutti a priori morali sono gli stessi: teocratico, borghese, collettivista o anarchico. Raddoppiato sotto una regola di condotta contraria al vostro giudizio, la ragione, e l'esperienza, a quel che senti e desideri, con il pretesto che è la regola scelto da tutti i membri del vostro gruppo, è l'atto di un monaco, non di un anarchico. Non è l'atto di un negatore di autorità temere una perdita di stima o di incorrere nella disapprovazione del cerchio. Tutto ciò che il tuo compagno può chiedere di voi non è quello di invadere la pratica della sua vita, non può andare oltre.

IV. 
Una condizione essenziale per "sentirsi vivo" è quello di saper apprezzare la vita. Morale, le sensazioni, le regole di comportamento, emozioni, conoscenze, facoltà, opinioni, passioni, significato, il cervello, ecc altrettanti mezzi che ci permettono di affrontare la nostra vita. Tanti servitori al comando dell '"io" perché a sviluppare ed espandere. Mastering tutti, la coscienza "negatore di autorità" non lasciarsi masterizzato da nessuno di essi. Quando egli soccombe, è la mancanza di educazione della volontà. Questo non è irreparabile. L'ha studiato "one-al di là-dominio" non è paura, egli gode di tutto, morsi in tutto, nei limiti di apprezzamento individuale. Ha un sapore tutto e niente è ripugnante per lui, finché egli mantiene il suo equilibrio morale.

Solo l'anarchico può sentirsi vivo, perché egli è l'unico tra gli uomini, l'unico di cui apprezzamento della vita ha la sua fonte in sé, senza la inmixing impura di un'autorità imposta dall'esterno.
Emile Armand

1 commento:

  1. purtroppo la traduzione di questo testo lascia molto a desiderare

    RispondiElimina